Genova
Siena
Trieste

GIOCAntartide ti permetterà di imparare giocando e scoprire il continente

App, sviluppata per il Museo Nazionale dell’Antartide – Sezione di Trieste dalla Divulgando S.r.l


Climate in Antarctica from Sediments and Tectonics

CLAST è una applicazione per iPad didattica e interattiva, sviluppata per spiegare argomenti di Geologia e Scienze della Terra.


 

Darwin - L'origine delle specie
Darwin - L'origine delle specie
Darwin - L'origine delle specie
Flexhibit

Far lavorare gli studenti come se fossero dei piccoli scienziati che organizzano una mostra sulle scienze polari.


 

No front page content has been created yet.

Notizie dal Museo

Seguendo le indicazioni riportate nel Decreto Ministeriale del 11marzo 2020, si comunica che la sede espositiva del Museo Nazionale dell'Antartide - Sezione di Trieste rimarrà chiusa al pubblico, salvo ulteriori disposizioni/comunicazioni che verranno comunicate sul sito del MNA.

Visto il DPCM del 10 aprile 2020, la sede espositiva di Siena rimarrà chiusa al pubblico fino ad ulteriori disposizioni.

Oggi, lunedì 20 gennaio 2020, presso la Sala Giunta del Comune di Trieste è stato presentato il progetto “Trieste 2020 Science Greeters”, nel quale il Museo Nazionale dell’Antartide – Sezione di Trieste è coinvolto negli itinerari.

Il bando PNRA 2018 prevede una linea di intervento dedicata allo studio di dati e campioni esistenti.
I cataloghi dei reperti e campioni raccolti nell’ambito di spedizioni italiane in Antartide e disponibili per ulteriori studi sono consultabili sul sito internet del Museo Nazionale dell’Antartide nella sezione “Cataloghi dei reperti”.

Lo Scientific Committee on Antarctic Research (SCAR) e il Trattato sull’Antartide sono due fra i più importanti lasciti dell’Anno geofisico internazionale 1957-58, durante il quale la comunità scientifica internazionale cooperò, in piena guerra fredda, nel nell'approfondire la conoscenza del pianeta.

Dopo 8 anni dalla sua ultima missione in Antartide e 45 anni dopo la sua ultima perforazione nel Mare di Ross, la nave Joides Resolution, ritorna nel Mare di Ross col progetto "IODP Expedition 374". Il progetto è coordinato da Laura De Santis, ricercatrice presso l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) di Trieste e Rob McKay, ricercatore presso il GNS Science di Wellington in Nuova Zelanda.